Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Notiziario Comunicati Stampa Riabilitazione equestre con Fiona e Lolita
Azioni sul documento

Riabilitazione equestre con Fiona e Lolita

La nuova attività con i cavalli sinora ha riguardato oltre 40 bambini e adolescenti del Centro di Riabilitazione della Fondazione Stella Maris Grazie all’Associazione Amici della Stella Maris da fine marzo riparte il progetto che sabato 22 marzo sarà al centro di un incontro con enti, associazione e operatori che si occupano di disabilità


Calambrone (Pisa) - Si chiamano Fiona e Lolita, sono operatrici un po’ particolari e, dopo una prima positiva esperienza, sono tornate a lavorare con i bambini e gli adolescenti del Centro di Riabilitazione di Calambrone della Fondazione Stella Maris. Parliamo delle due splendide e docili cavalle, rispettivamente una avelignese di 16 anni e una bardigiana della stessa età, addestrate alla riabilitazione equestre, che da questo mese popolano il paddock appositamente realizzato per loro, nell’area della palazzina direzionale dell’Istituto pisano. La nuova attività, di cui sinora hanno beneficiato 42 tra bimbi e ragazzi del Centro di Riabilitazione di Calambrone, si deve all’Associazione Amici della Fondazione Stella Maris, nata nel 1993 per affiancare l’attività della Fondazione, che nel settembre del 2013 ha deciso di sostenere il progetto di Riabilitazione Equestre presso l’IRCCS.

E’ un’attività che nasce dalla collaborazione con l'associazione EquiOasi Arcadia a.s.d. (ENDAS). Sotto la guida di Elena Leoni, Neuropsichiatra Infantile, collaboratrice della Stella Maris, ha preso il via il progetto di Equitazione Naturale e di Riabilitazione Equestre per bambini e adolescenti con patologie psichiche e neuromotorie.  L’equipe che ha lavorato a questo progetto è formato  da Claudia Marzi, psicologa clinica con studi in questo tipo di riabilitazione Elena Leoni, neuropsichiatra infantile e da Marco Senesi, educatore professionale e psicomotricista funzionale.

Forte della positiva esperienza fatta nel periodo racchiuso tra settembre e dicembre 2013 e a pochi giorni dall’avvio del nuovo ciclo di attività che si snoderà per tre mesi, a partire dalla fine di questo mese, l’Associazione ha indetto un incontro per fare un primo bilancio del progetto. L’appuntamento sarà sabato 22 marzo alle ore 10 presso l’Auditorium della Virgo Fidelis della Fondazione Stella Maris, viale del Tirreno 331/b.

L’incontro ha come obiettivo quello di illustrare ad enti, associazioni, cooperative e privati che si occupano di disabilità, il progetto di Riabilitazione Equestre per presentare l’iniziativa.  La mattinata sarà importante perché saranno esposti i risultati raggiunti nella prima parte del progetto e si discuteranno le prospettive future per la riabilitazione equestre all’interno della Stella Maris.

Come altre terapie complementari, quelle effettuate con ausilio di animali non possono ovviamente sostituire terapie riabilitative validate e con più forte valenza scientifica. Potrebbero tuttavia avere un ruolo di supporto abilitativo a bambini e adolescenti con disabilità  anche se, come recentemente indicato dall’Istituto Superiore di Sanità, dati scientifici sulla loro validità e sulle modalità più precise di applicazione devono essere ricercate ai fini di future linee guida. Questa esperienza condotta presso il Centro di Riabilitazione di Calambrone potrà quindi avvalersi di una consulenza da parte dei ricercatori dell’IRCCS.

E’ un progetto che nasce dalla solidarietà ed è realizzato grazie ai fondi provenienti dalle donazioni del 5x1000 che l'Associazione Amici della Fondazione Stella Maris ha devoluto per introdurre la nuova attività. L’avvio dell’attività ha richiesto innanzitutto la costruzione di un vero recinto per cavalli. “E’ stato quindi prima bonificato e poi allestito uno spazio all'interno del giardino che circonda l'ospedale, che potesse ospitare in un ampio paddock i tre cavalli protagonisti del progetto - spiega XX dell’Associazione Amici della Stella Maris - ed è stato recintato un campo di lavoro per le terapie. Il progetto ha avuto un primo step: da settembre a dicembre 2013, dove 42 bambini e ragazzi dell’Istituto hanno svolto un percorso di riabilitazione equestre, della durata di tre mesi. Il cavallo è per sua natura portatore di molteplici significati.  Il caratteristico movimento del cavallo favorisce una migliore percezione del proprio corpo, facilitando il miglioramento della postura e dei movimento, oltre a ridurre le fonti di ansia”.

La prima parte del progetto si è conclusa nel dicembre 2013, mentre la seconda inizierà dalla fine di questo mese. Un’attività che proprio per l’interazione speciale che si crea tra il cavallo e il bambino o l’adolescente con problemi psichici e neuromotori assume sempre maggiore rilievo e importanza.


In allegato le foto (liberate) della nuova attività di riabilitazione equestre alla Fondazione Stella Maris

Ultime notizie
17/07/2019 Telethon finanzia progetto di ricerca su una rara malattia metabolica dell’IRCCS Fondazione Stella Maris C’è anche l’IRCCS Fondazione Stella Maris tra i progetti finanziati da Fondazione Telethon in Toscana per complessivi 660 mila euro. Il progetto scelto come il migliore riguarda infatti una rara malattia metabolica, il deficit di trasporto della creatina, il progetto di Laura Baroncelli dell’IRCCS Fondazione Stella Maris. L’impatto di questa patologia è soprattutto a livello del cervello: i bambini che ne sono affetti presentano infatti disabilità intellettiva già in età precoce, epilessia e comportamenti di tipo autistico. Al momento non esistono cure: obiettivo di questo progetto, che si svolgerà in partnership con l’Istituto italiano di tecnologia, sarà mettere a punto nel modello animale un approccio di terapia genica, che consenta tramite un vettore di origine virale di trasferire una versione corretta del gene difettoso direttamente nel cervello nel modello animale della malattia e poi nell’uomo. Il trasferimento genico a livello cerebrale è particolarmente difficile, perché occorre superare la barriera emato-encefalica che normalmente ha il compito di proteggere il nostro cervello da “intrusioni” esterne. I ricercatori studieranno inoltre, mediante tecniche innovative di imaging cerebrale, come i circuiti nervosi del cervello sono influenzati da questo difetto genetico nelle diverse fasi della progressione della malattia.
17/07/2019 Al via oggi alla Summers School dedicata alla ricerca nell’ambito della riabilitazione infantile: oltre 30 studenti provenienti da tutta Europa per 5 giorni con i maggiori esperti internazionali al corso di ricerca dell’Università di Pisa con il sostegno Pisa, 15 luglio 2019 - “Evidence based medicine and research in rehabilitation of childhood disability”, è il titolo della Summer School promossa e coordinata dal prof Giovanni Cioni, Professore di neurologia infantile e psichiatria dell’Ateneo Pisano, Presidente dell'EACD e Direttore scientifico dell’IRCCS Fondazione Stella Maris, che oggi alle ore 9 ha preso avvio al Centro Congressi Le Benedettine di Pisa nell’ambito delle Summer School che l’Università di Pisa promuove in diversi campi, quali ad esempio le materie umanistiche, l’ingegneria, la matematica, le scienze e altri ancora. Ad aprire l’evento è stato il Professor Paolo Mancarella, Rettore dell'Università di Pisa,che ha portato i saluti ai partecipanti, sottolineando l’importanza di questo percorso formativo nell’ambito di un settore rilevante delle neuroscienze.
10/07/2019 La Parrochia "La Madonna" San Romano (PI) presenta IL MIO GESU' Un Opera di Beppe Dati 15 Settembre 2019 ore 21.15 Chiostro del Convento Francescano San Romano (Pisa) Con il patrocinio della Fondazione Stella Maris
29/05/2019 Traiettorie psicopatologiche dal neonato all’adulto così l’edizione XII delle Giornate Pisane di psichiatria e psicofarmacologia clinica evidenzia le relazioni dal feto al neonato e all’adulto. Presidente la professoressa Liliana Dell’Osso, vicepresidente professor Giovanni Cioni Il 28 e 29 maggio un congresso scientifico all’Hotel Galilei (via Darsena 1)
18/04/2019 UNIC – LINEAPELLE Concerie Italiane ha donato le uova di Pasqua per i bambini e i ragazzi ospiti delle varie sedi della Fondazione Stella Maris, la consegna è avvenuta all’insegna della gioia con i clown “I libecciati” Calambrone (Pisa) - Un dolcissimo dono, in vista della Pasqua, per tutti i bambini e i ragazzi ricoverati nelle varie sedi della Fondazione Stella Maris. E’ quello che UNIC LINEAPELLE, Concerie Italiane, ha voluto fare ieri pomeriggio consegnando decine di uova di cioccolato agli ospiti dell’Istituto di Calambrone (Pisa) e dei Centri di San Miniato e di Montalto di Fauglia. Un regalo che sottolinea il percorso di responsabilità sociale che UNIC ha deciso di intraprendere a favore del IRCCS Fondazione Stella Maris, condividendo l’obiettivo di sostenere il nuovo Ospedale dei bambini che l’Istituto è in procinto di realizzare nell’area di Cisanello a Pisa. Una partnership che, come un seme, sta generando momenti di intensa collaborazione e la donazione odierna rientra in questo cammino condiviso. “Abbiamo allo studio una serie di iniziative a supporto delle attività della Fondazione Stella Maris”, dichiara Fulvia Bacchi Amministratore delegato UNIC.
Altre notizie…
Prossimi eventi
Auditorium IRCCS Stella Maris, V.le del Tirreno 341/A/B/C Calambrone (Pisa),
20/09/2019
VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DELLE ESPERIENZE SFAVOREVOLI INFANTILI: APPROFONDIMENTI
Auditorium IRCCS Stella Maris, V.le del Tirreno 341/A/B/C Calambrone (Pisa),
01/10/2019
Il disturbo del controllo degli impulsi dall’età prescolare all’adolescenza
Eventi precedenti…
Prossimi eventi…